Serie B Maschile – Espugnato Montecchio maggiore

DIARIO DI BORDO DEL CAPITANO MARCO GRAZIOTTI :

Battaglia avevo pronosticato sabato sera presentando la gara con la Stampa Sporting di Torino e battaglia è stata in una giornata ancora una volta da ricordare…
La mattina i ragazzi si rendono tutti disponibili a giocare, Erler nel frattempo è arrivato a notte fonda in albergo proveniente da un Campionato a squadre in Austria e pertanto decido di farlo riposare un pochino di più visto che giocherà il secondo incontro.
Gli accoppiamenti dei singolari sono:
Alexander – Giannuzzi (24)
Marco – Luzzo (24)
Giorgio – Vittone (24)
Andrea – Giuliato (25)


Si comincia con Marco e Giorgio, mi accomodo sulla panchina di Marco che in poco più di 20 minuti chiude la prima frazione con il punteggio di 61 mentre
Giorgio fatica sul campo adiacente, da lontano sento l’arbitro di sedia scandire i games a favore del suo avversario che si aggiudica il primo set per 62.
Marco continua a giocare un buon tennis aiutato molto dal suo avversario che non trova continuità alternando vincenti a errori banali; anche il secondo set scorre liscio per il nostro atleta che si impone per 62.
Anche durante il secondo set Giorgio non riesce ad invertire l’andamento del match continuando a non trovare le giuste soluzioni per contrastare le giocate di Vittone finendo per perdere 62.
E’ il turno di Alexander che comincia il suo match giocando un tennis potente e semplice allo stesso modo, dopo aver vinto 61 il primo set l’austriaco forse stanco dal lungo viaggio che lo ha portato a Torino subisce un timido tentativo di ritorno di Giannuzzi che si porta 21 con Alexander che fa fatica nello spostarsi; l’incertezza dura poco e il biondino austriacoe riprende in mano l’iniziativa vincendo 62 la seconda partita.
Ho grandi aspettative da parte di Andrea dopo la fantastica vittoria della settimana scorsa, bastano pochi scambi per capire che il match contro Giuliato non sarà facile, il mancino torinese sbaglia poco ed appare molto ordinato; Andrea non riesce a sfondare e comincia ad innervosirsi, sicuramente il fatto che l’avversario sia mancino non l’aiuta e dopo aver perso 61 il primo set anche nel secondo set Andrea sbaglia molto cercando di forzare il gioco finendo per compiere diversi gratuiti cedendo la seconda partita per 62.
Siamo 2-2 e a questo punto occorre scegliere se puntare al 3 pari oppure tentare di vincere entrami i doppi: opto per la seconda scelta confortato anche dalla medesima idea del Presidente e quindi schiero due doppi inediti:
Marco e Andrea
Giulio e Alexander.
Torino risponde con Luzzo/Vittone e Giannuzzi/Giuliato
Giulio e Alexander cominciano malissimo, subiscono 2 break e sono sotto 4-0 nel primo set senza riuscire mai ad impensierire gli avversari durante il turno di risposta; e così il primo set è perso con il punteggio di 62.
Marco e Andrea passeggiano nel primo set aggiudicandosi la frazione per 61, nel secondo set tuttavia perdono un pochino di concentrazione andando sotto 1-4 e sul servizio di Andrea sono 15/40…
In quel momento ho cominciato a vedere i fantasmi della sconfitta, perdere un set in doppio vuol dire andare a giocare un match tiè-break con tutti i rischi che ne derivano, Giulio e Alex sono sotto nel secondo 5-3 con l’austriaco sempre più a testa bassa e ciondolante incapace di reagire al suo stato apatico….
Ma quando meno te lo aspetti ecco la svolta : Andrea vince il suo servizio, i ragazzi effettuano il break e si rimettono in corsa recuperando sino al 5 pari e chiudendo 75 dopo l’ennesimo break.
Tiro un sospiro di sollievo, il pareggio è assicurato e dopo che Alexander si aggiudica il suo servizio al cambio campo sul punteggio di 4-5 mi avvicino a lui dicendogli: “In Italy we say now or never”, il ragazzone austriaco mi guarda e mi risponde “also in Austria” facendomi un gran sorriso…
Da quel momento inizia una altra partita, sul servizio di Giannuzzi Alex esordisce con una risposta vincente di rovescio, Giulio risponde alla grande a sua volta da sinistra costringendo all’errore l’avversario, altra risposta ottima dell’austriaco e voliamo 0-40, 15-40 e finalmente il sospirato break!!!!
Non dimenticherò inoltre il game giocato sul 5 pari con Giulio al servizio ripreso e vinto partendo da 0-40!!!
Il set si deciderà al tiè-break ma ormai i nostri atleti sono ingiocabili, si aggiudicano per 7-3 il tiè break e poi 10-4 il match tiè-break con delle giocate veramente pregevoli.
E’ festa grande, vincere due doppi non è mai facile e i ragazzi sono stati davvero bravi, Marco per la sua solidità agonistica, Andrea per la sua voglia di riscatto, Alex per essere riuscito a ritrovarsi nel momento più importante del match, Giulio per essere riuscito a non cedere allo sconforto anche nei momenti più difficili del suo compagno di gioco.
Mentre torniamo in treno con Aurelio riviviamo i momenti della giornata, i momenti di disperazione e di speranza si sono alternati per tutto il giorno facendoci apparire distrutti ma felici di aver compiuto un altro piccolo passo in avanti per quel primo obiettivo che consiste nella vittoria del girone eliminatorio e Domenica, a Milano, sarà sufficiente un pareggio per averne la matematica certezza….
Forza Ferratella!!!